Luana De Franco

“Penso che la purezza sia ciò che manchi al contemporaneo, quindi mi sembra giusto e il caso di restituirla”

Oggi HideArt presenta Luana De Franco, artista Milanese classe ’96. L’arte e lo stile di Luana, nascono quando ancora molto piccola cercava di affrontare e esorcizzare la paura del buio. Inizia utilizzando le tempere, per poi adottare altre tipologie espressive. Definisce l’arte il miglior modo per esprimere le proprie paure e i mostri dormienti dentro se stessa.

Negli ultimi anni dice di aver sperimentato diverse tecniche artistiche, dalla pittura a olio, al carboncino fino a arrivare alle sculture in terracotta e poi in gesso. Luana definisce la sua arte come un momento intimo e spontaneo con se stessa, proprio per questo dice di aver trovato nel disegno, e quindi nella grafite, il miglior mezzo. “Vedere il mio pensiero prendere forma linea dopo linea, essere spesso cancellato, corretto e magari stravolto col passare delle ore, mi fa sentire viva. Vorrei che i miei disegni dicessero proprio sono viva”. Dice di aver sempre avuto un debole per la grafite, trova che la stessa abbia una finezza e un rapporto tutto proprio nel giocare con le linee e dare forma alle varie emozioni.

Ultimamente l’artista ha iniziato a utilizzare anche penne, china, indelebili e simili. Affascinata dall’impossibilità di correzione immediata, crea un rapporto con il foglio e l’elemento rappresentato ancora più forte e indistruttibile. “E’ bello percepire nelle tue mani la paura di sbagliare in maniera irrimediabile”. Questa sicurezza nel pensiero di Luana, sicuramente si riscontra e rimane positiva anche nel suo lavoro di tatuatrice che sta portando avanti regolarmente da ormai 2 anni. “Dovreste provare a tatuare, regalare qualcosa ad uno sconosciuto per tutta la vita è una sensazione impagabile”. Attualmente nei disegni di Luana si respira un senso di decadenza, abbandono e morte che ruota tutto attorno al panorama artistico odierno. Luana è un artista che ama molto l’imprevisto, e spesso infatti si ritrova a lasciar andare le mani d’impeto dimenticandosi di un tema preciso, ma creando e basta.

L’artista si trova spesso a riflettere inconsciamente sul tema della solitudine, spesso ritrae personaggi famosi o soggetti vari in maniera iperrealistica, isolando però il soggetto dal contesto. A suo parere questo fare, rende le immagini allineate e vulnerabili, un po’ come si sente lei quando osserva ore e ore i tratti per poter memorizzare le particolarità del soggetto, fino a ottenere fantastici prodotti di grande impatto visivo. “Adesso sto cercando di lasciarmi andare creando immagini che possano trasmettere ad ognuno un’idea diversa, personale. Due mani legate, un volto che si crepa, una Madonna, un cuore umano, possono dire tutto e niente. Io rimango in silenzio lasciando parlare la china, e lasciando voi ad ascoltare.”

Al momento Luana sta frequentando l’ultimo anno del corso Triennale in  Comunicazione e Didattica dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera – MI -. Ciò che vedo in Luana è il risultato di una profonda ricerca artistico/stilistica, approfondita da uno studio introspettivo della propria persona. I suoi soggetti sono frutto di una mano aperta a nuove influenze, ma con un passato ben definito e ben strutturato. Sicuramente un artista interessante da scoprire e analizzare fino in fondo, uno di quelli che ama interfacciarsi con le proprie paure, che poi accomunano in maniera costante la nostra esistenza.

 

Enea Fiorucci

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...